adidas-scarpe-riciclate

Riciclo e sostenibilità sono due parole che negli ultimi anni stanno diventando parte integrante del vocabolario di molte aziende che cercano di adottare politiche green per salvaguardare l’ambiente. Tra queste troviamo l’Adidas che, in collaborazione con la ONG Parley for the oceans, ha realizzato una nuova collezione di sneakers utilizzando i rifiuti plastici presenti nell’oceano.

Proprio in occasione del lancio della nuova linea Adidas avvenuto il 10 maggio 2017, Cyrill Gutsch, fondatore di Pearly, ha affermato: “Questa nuova scarpa non è soltanto un accessorio. È un simbolo, un nuovo modo di stabilire un nesso tra i prodotti e la causa dell’inquinamento dell’oceano”.

Tre sono i modelli realizzati e si chiamano UltraBoost Parley, UltraBoost X Parley e UltraBoost Uncaged Parley, non a caso di colore blu e bianco, il primo in onore del colore degli oceani e il secondo per attirare l’attenzione sulla questione dello sbiancamento dei coralli.

adidas-sneakers-plastica-riciclata

Dalla tessitura esterna, al rivestimento per le solette passando per i lacci, queste sneakers sono completamente realizzate con due tipi di plastica, recuperata dal mare: il nylon usato per le reti da pesca e il polietilene tereftalato adoperato per le bottiglie di acqua. Nello specifico per ogni modello sono state utilizzate 11 bottiglie di plastica.

Kasper Rorsted, CEO di Adidas, ha rivelato che l’azienda l’anno scorso ha venduto più di un milione di “scarpe fatte di plastica”. Rorsted continua affermando: “Ci impegniamo ad eliminare gradualmente l’uso della plastica vergine nei nostri prodotti ma questa è solo una parte della nostra collaborazione con Parley. Adidas supporta Parley nelle sue attività di ricerca e sviluppo e educazione e comunicazione”.

Concludendo, quella di Adidas è una scommessa su come in un futuro non molto lontano le sneakers potrebbero essere realizzate con i rifiuti plastici degli oceani e altro materiale di recupero.